© 2014 by Michele Codoni (Mike)

  • b-facebook
  • Instagram Black Round

PAROLE CHIAVE PER CERCARE: 

September 18, 2019

July 17, 2019

November 29, 2018

July 18, 2018

May 9, 2018

February 10, 2018

Please reload

POSTS RECENTI: 

LINK SOCIALI:

  • Facebook Clean Grey
  • Instagram Clean Grey

Una lettera dal PIB - US - riguardo COVID-19

Combatti Coronavirus, TUTTI NOI - un appello di professionisti italiani a Boston.


Nessuno di noi dovrebbe lasciare le nostre case se non assolutamente necessario.

Siamo un gruppo di scienziati e professionisti italiani nella grande area di Boston che sono in contatto quotidiano con colleghi in Italia, tra cui in Lombardia, una regione gravemente colpita da COVID-19.

 

Ti stiamo scrivendo per farti conoscere le informazioni critiche sull'emergenza COVID-19 e su come tutti noi possiamo avere un ruolo nel ridurre l'impatto di questo virus sulla nostra vita. Aiutateci condividendo questa lettera aperta.

A partire dal 13 marzo, 71 medici di medicina generale a Bergamo (una città lombarda di 120.000, vicino a Milano) sono stati infettati da COVID-19, così come 600 medici in tutta Italia.1 Durante la settimana dell'8-14 marzo, circa 330 persone sono morte a Bergamo, rispetto ai 23 decessi registrati nella stessa settimana nel 2019. Le case funerarie non hanno abbastanza spazio per i corpi, e queste sono ora custodite nelle chiese.2 La Lombardia è una delle aree più ricche d'Italia, con un eccellente sistema sanitario pubblico, dove viene data una buona assistenza clinica a tutti, eppure è sopraffatta da questa pandemia.

Dal 9 marzo, l'Italia è in stato di blocco, il che significa che tutti gli incontri, compresi i servizi di massa, sono ora vietati. Le persone escono di casa solo per cibo, emergenze e medicine.

Questo non è un virus a cui gli umani sono abituati, come l'influenza; questo è un virus che viene dagli animali., Gli esseri umani non hanno un'immunità parziale e l'infezione è altamente contagiosa.

Gli anziani di età superiore agli 80 anni erano inizialmente i più gravemente colpiti, ma poiché il virus si è diffuso, l'età media dei pazienti che necessitano di un intervento medico intensivo, come l'intubazione, sta diminuendo. Al contrario, molti bambini di 40 e 50 anni vengono ricoverati in ospedale, proprio come è stato osservato in Cina.3 Nei Paesi Bassi, attualmente la metà dei pazienti che necessitano di terapia intensiva ha meno di 50,4 anni

Un collega e amico, un medico sulla quarantina, e che non aveva visto consapevolmente pazienti che erano risultati positivi al virus, è stato recentemente ricoverato in ospedale con polmonite correlata al Coronavirus, insieme a sua moglie, e aveva bisogno di ossigeno per sopravvivere. Non ha mai fumato e non ha alcun fattore di rischio noto come diabete, problemi respiratori o cardiaci. Gli operatori sanitari nel nord Italia stanno combattendo come guerrieri, sono i veri MVP quest'anno. Ecco una foto ampiamente condivisa dell'infermiera Elena Pagliarini, sfinita durante una recente "normale" giornata lavorativa in Italia. Presto spetterà agli operatori sanitari statunitensi affrontare questa battaglia.

foto di Elena Pagliarini.

Dati recenti provenienti dall'Italia suggeriscono che il 10% o più delle persone infette non possono respirare senza maschera di ossigeno e il 5% di questi deve essere intubato.5 Poiché l'infezione è nei polmoni, l'accesso all'ossigeno determina se vivi o muori.

 

TAC di un individuo sano a sinistra e di un paziente con polmonite interstiziale correlata al Coronavirus a destra6,7

Il tasso di mortalità dei casi infetti in Italia risulta essere del 3,5% circa, simile alla Cina e superiore alla Corea, dove le pratiche di test e quarantena sono state rigorosamente applicate dopo la segnalazione dei primi casi.

Se sei giovane e pensi che questo non sia il tuo problema, ripensaci: mentre questo virus è più mortale per le persone di età superiore agli 80 anni, o per quelle che sono più giovani e soffrono di diabete, problemi cardiaci o respiratori. Questi potrebbero essere i tuoi genitori, le tue sorelle, i tuoi fratelli o i tuoi amici. Man mano che i letti di terapia intensiva si riempiono, le persone di 60 anni o più giovani che soffrono di altre malattie croniche sono a rischio di non ricevere supporto respiratorio, perché gli ospedali saranno tassati oltre la capacità. Essere in ospedale espone le persone a ulteriori infezioni. Inoltre, mentre l'infezione si diffonde, sempre più persone sui 40 anni e senza patologie concomitanti hanno bisogno di ricovero in ospedale, con alcuni morenti, come vediamo accadere in Italia. Muoiono da soli, poiché le famiglie non possono avvicinarsi a loro a causa del rischio di contagio.

Durante la fase di incubazione (fino a 14 giorni) potresti non avere sintomi, ma puoi diffondere il virus. Una stima è che ogni persona infetta non sintomatica può infettare fino a 10 persone.8 Quante delle tue connessioni dirette soffrirebbero molto, perché non sei rimasto a casa? Un recente studio mostra che il virus può vivere su plastica e metallo per un massimo di tre giorni e su cartone per un massimo di un giorno, quindi tutto ciò che tocchi con una mano sporca può trasmettere l'infezione.9

Gli ospedali non sono normalmente attrezzati per la possibilità che centinaia di pazienti si presentino contemporaneamente e tutti necessitino degli stessi interventi intensivi. Eppure questa è la realtà in un numero crescente di ospedali in Italia, ei medici devono fare una scelta difficile su chi deve vivere. Questo può accadere negli Stati Uniti.
 

Please reload

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now